Home » Ricette Tipiche del Salento » Paste, pastareddhe o pastarelle: i biscotti salentini

Paste, pastareddhe o pastarelle: i biscotti salentini

Paste, pastareddhe o pasterelle, tanti termini per indicare qualcosa che conosciamo molto bene e che ogni giorno ci allieta con la giusta dose di buonumore, ciò che serve per cominciare una giornata con il piede giusto: biscotti!

Una ricetta semplice, rimasta intatta per generazioni, ognuna delle quale ha avuto modo di godere di uno di quei piccoli piaceri che la vita offre, inserito a pieno titolo nei sette vizi capitali, terribilmente tentatore nonché unico vero sostegno nei momento di sconforto: la gola!

Pastarelle leccesi

Pastarelle leccesi

Farina, zucchero, latte, uova, olio extra vergine di oliva. Ingredienti semplici in grado di dare forma o squisiti mattoncini di energia da tuffare in un bel cappuccino, in una tazza di caffè, nella cioccolata, nel the!

Nella video ricetta che segue abbiamo cercato di rispettare la tradizione. Dalla preparazione alla cottura. Volete un assaggio?



4 commenti su “Paste, pastareddhe o pastarelle: i biscotti salentini

  1. giancarlo ha detto:

    scusate ma nella ricetta Paste, pastareddhe o pastarelle: i biscotti salentini
    quanto olio viene messo? perchè nel video si vede ma non viene segnalata la quantità vi
    ringrazio anticipatamente e vi saluto
    giancarlo

  2. Marco Piccinni ha detto:

    è vero…è stata una piccola dimenticanza…ad ogni modo sono 100 grammi di olio per ogni ogni kg di farina…
    un saluto e grazie per averci visitato!

  3. giovanna ha detto:

    quale e quanto lievito per i biscotti? GRAZIE

    • Marco Piccinni ha detto:

      Ciao Giovanna, l’agente lievitante è l’ammoniaca. le dosi sono quelle indicate nel video. buona preparazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *