Leuca, salvata da Rosanna l‘ultima vela latina | Salogentis
Home » Approfondimenti » Leuca, salvata da Rosanna l‘ultima vela latina

Leuca, salvata da Rosanna l‘ultima vela latina

S. MARIA DI LEUCA (Le) – C’è chi si batte per salvare il panda, chi la foca monaca e gli ulivi secolari e chi l’ultima barca con la *vela latina issata rimasta dalla rovina e l’oblio.

E’ la mission che s’è data Rosanna Schina, giovane bibliotecaria di Castrignano del Capo (Lecce) dopo la laurea in Lettere Moderne all’Università di Bologna e con la passione per il mare.

La barca era in stato pietoso: abbandonata in una vecchia casa di Leuca, ormai prossima alla rottamazione. Rosanna l’ha vista, se n’è innamorata, l’ha comprata dal vecchio proprietario dando fondo ai magri risparmi, l’ha rimessa a nuovo, ridipinta di un celeste delicato e, non sapendo che avesse già un nome (“Antonietta”, come la moglie del vecchio padrone), l’ha ribattezzata “Leuca”.

Poi ha chiamato un personaggio assai popolare a Leuca: un esperto pescatore, Mario Margarito, detto “Pistolero”, e gli ha fatto armare la vela. Ce n’è voluto di lavoro paziente, certosino, ma alla fine ce l’ha fatta.

Questo tipo di barche con vela “latina”, erano usate, nell’altro secolo, per la pesca: ovviamente andavano a remi. Sono molto difficili da manovrare e gestire rispetto ad altre tipologie di vele, perché più grandi, ma se con l’antica sapienza della gente di mare ci si riesce, scivolano sulle onde più veloci e leggere come piume.

Un enorme patrimonio di conoscenze che devono essere preservate e trasmesse alle nuove generazioni affinchè non si disperdano.

Barca a vela latina "Leuca"

Barca a vela latina “Leuca”

 

Francesco Greco

 

*La Vela Latina è una dei più antichi armi velici: sebbene il nome suggerisca una sorta di parentela con i latini, ha origini arabe e deve il suo nome alla caratteristica forma triangolare, che si è rapidamente diffusa in tutto il Mar Mediterraneo, sostituendo la vela quadra in uso sin dall’età antica


3 commenti su “Leuca, salvata da Rosanna l‘ultima vela latina

  1. francesco lopez y royo ha detto:

    perchè non si appoggia a qualche associazione locale ce ne sono tante che sono sorte proprio per la salvaguardia del capo di Leuca,in tutti i sensi, così non graverà su casse pubbliche.

  2. Dante ha detto:

    Aneddoto molto curioso.. la rivalutazione di un territorio come il Salento deve iniziare da episodi come questo, per poi ovviamente concretizzarsi in azioni sicuramente più importanti.
    Ottimo esempio.

  3. francesco ha detto:

    Brava Rosanna e mitico ‘pistolero’!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *