Home » Libri del Salento » E lucevan le stelle…” Ricordo del Maestro Carlo Minoli e della Banda di Tricase (1873-2021)

E lucevan le stelle…” Ricordo del Maestro Carlo Minoli e della Banda di Tricase (1873-2021)

Il 17 novembre 2021 ricorrerà il 120° anniversario della morte di Carlo Giuseppe Minoli, deceduto a Tricase il 17 novembre 1901. Per la verità, fino a pochi anni or sono, non si conosceva con esattezza la data di nascita di questo importante personaggio per la storia musicale di Tricase. Alcuni studiosi, sapendo che egli morì a 73 anni compiuti, come precisato nell’atto di morte, avevano giustamente avanzato l’ipotesi che fosse nato nel 1828, senza fornire notizie certe sul giorno ed il mese.
La presente ricerca, oltre ad essere un sincero omaggio e un giusto riconoscimento al Maestro Carlo Minoli e alla Banda Musicale Comunale di Tricase, come diremo dettagliatamente in seguito, risolve, una volta per tutte, il problema anagrafico della nascita di questo Tricasino d’adozione, grazie alla documentazione fornitaci sia dall’Archivio Arcivescovile di Torino (nascita e battesimo) che dall’Archivio di Stato di Torino (ruolo matricolare). Questi due preziosi documenti archivistici ci permettono di porre fine ad un “enigma” che durava ormai da lungo tempo e che era giusto e doveroso risolvere: Carlo Giuseppe Minoli nacque a Torino il 1° giugno 1828.

Quando giunse a Tricase per dirigere la Banda Musicale Comunale, 4 giugno 1873, insieme al Maestro Antonio Virgilio, Capo Musico dell’Ospizio Garibaldi di Lecce, aveva da poco compiuto 45 anni ed aveva svolto, per circa 25 anni, servizio militare di fanteria con la qualifica di musicante, partecipando attivamente a tutto il processo risorgimentale italiano. Nel suo Ruolo matricolare del 6° Reggimento Fanteria è ben documentato il servizio reso dal soldato Carlo Giuseppe Minoli; le campagne di guerra alle quali aveva preso parte e le diverse decorazioni che aveva ottenuto nel corso degli anni. A partire dall’arruolamento nel 1848, per il compimento del servizio militare di leva, aveva appena 20 anni, sino all’ammissione dell’ultimo riassento per la ferma di ulteriori tre anni a decorrere dal 10 maggio 1869, il soldato di fanteria Minoli si era posto al servizio della Patria, con adempimento rigoroso dei propri doveri.

Ma sì lodevole ed apprezzabile servizio reso per l’Unità e l’Indipendenza dell’Italia, sempre ricordato ed elogiato dagli Amministratori comunali tricasini, è solo un “preludio” di quello che poi il Direttore ed Insegnate di musica fece e svolse a Tricase. Nel giugno 1874, appena un anno dopo il suo arrivo, la Giunta Comunale gli concesse una gratifica ed il 13 ottobre successivo il Consiglio Comunale deliberò in suo favore una dichiarazione di benemerenza per essersi prodigato a sostegno di alcuni cittadini della classe povera durante l’inverno 1873.

Per un decennio circa la Banda tricasina, sotto la guida saggia ed accorta del Capo Musico, prof. Carlo Minoli, si sviluppò in modo entusiastico con il continuo sostegno dell’Amministrazione Comunale. La Banda Comunale, nelle feste civili e religiose, otteneva continui successi e riconoscimenti. Ciò, naturalmente, rendeva orgogliosi gli Amministratori e rendeva anche prestigiosa ed encomiabile l’opera svolta dal capo Musico, Maestro Carlo Minoli, nei confronti del quale il popolo tricasino dimostrava continua benevolenza, basata su sincero affetto e profonda stima. Egli era apprezzato e ben voluto dagli Amministratori e, soprattutto, dalla popolazione tricasina non solo per la sua bravura come Direttore della Banda Cittadina e come Insegnante dei giovani musicanti, ma anche e maggiormente per le sue doti morali, indispensabili nell’ambiente bandistico per creare un’atmosfera di serenità e di impegno.

Carlo Minoli era un uomo buono e onesto; una persona gentile e generosa; molto considerata perché si privava del suo, nonostante non fosse facoltoso, per aiutare gli altri. Non può essere spiegata diversamente la decisione unanime del Consiglio Comunale di Tricase nel gennaio 1889, quando il Direttore Minoli rassegno le dimissioni dal suo incarico, di assegnare […] la somma di £. 240,00 annue a favore del Sig. Carlo Minoli, fino al tempo in cui risiederà in questo Comune, a titolo di sussidio. Questa deliberazione consiliare rimane, nella storia amministrativa post-unitaria tricasina, un grande gesto di umanità e di gratitudine nei confronti di un una persona modesta ed altruista che “[…] si è spogliato del suo in varie circostante per mantenere i poveri e i disagiati di Tricase.

Visse a Tricase dal 1873 al 1901, precisamente 28 anni, gli ultimi della sua vita, esercitando sicuramente una funzione di crescita economica, sociale e culturale. La sua presenza in Tricase, forse non completamente percepita nel corso della sua esistenza, rappresentò una vera e propria “rinascita culturale e musicale”; il Maestro Carlo Minoli ha caratterizzato il “Risorgimento musicale tricasino”. Per Tricase e per la piccola storia musicale di questa città, il periodo che corre dalla fine dell’Ottocento agli inizi del Novecento è di estrema importanza: nel 1873 era nata la prima Compagnia Musicale Comunale e la prima Scuola Musicale Comunale; immediatamente dopo nasceranno l’8 luglio 1880 Vito Raeli e il 10 febbraio 1888 Luigi Ratiglia, i due maggiori musicisti tricasini. Ciò, in tutta onestà, pensiamo che sia merito soprattutto dell’opera svolta dal Maestro Carlo Minoli.

Perciò, ci sembrava opportuno ricordarlo in occasione del 120° anniversario della scomparsa, così come correttamente fece nel novembre 2001 l’Amministrazione Comunale di Tricase (Sindaco, Ing. Antonio Coppola) nella ricorrenza del centesimo anniversario della morte.

Aggiungo, altresì, una nota di carattere familiare, in ricordo dei miei genitori, dal momento che, per una pura coincidenza, nel 2021 ricorrerà anche il ventesimo anniversario della loro dipartita. Ad essi è dedicata questa ricerca che è una continuazione ed un completamento del volume I Concerti Bandistici Tricasini (1873-1954), pubblicato nel 1997 in occasione della XV edizione del Raduno Bandistico del Salento.

La Musica, sublime disciplina dell’animo umano e fantasmagorico mondo di solo sette note, con il suo linguaggio universale, ha contribuito efficacemente alla crescita di Tricase, piccola cittadina del Salento, grazie alla presenza indimenticabile di un uomo modesto e generoso: il Maestro Carlo Minoli.

“E lucevan le stelle…” Ricordo del Maestro Carlo Minoli e della Banda di Tricase (1873-2021), Castiglione, Giorgiani Editore, 2021.

Francesco Accogli
Direttore emerito della Biblioteca Comunale di Tricase


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *