Home » Comuni Salentini

Comuni Salentini

I luoghi da visitare e le tradizioni da conoscere nei Comuni Salentini

ALESSANO (Le) – Il Novecento in bianco e nero di Terra d’Otranto ha un nome: Antonio Massaro, un Maestro, un genio, un uomo di mondo. Non c’era cerimonia pubblica o privata che non fosse immortalata dalla sua macchina fotografica, matrimoni ...
GAGLIANO (Le) - “Mi ricordo, si, io mi ricordo… Perustitza, Erzegovina, Xanti-Yaca… Avevo quasi 9 anni, in casa eravamo 10 figli, mio padre era morto all’improvviso… Focu meu, focu meu…”. E’ l’incipit di “Cunzerva mara”, un monologo scritto da Francesco Greco, ...
ALESSANO (Le) - E’ stato un Carnevale di sensibilizzazione sugli sconvolgimenti naturali epocali che l’uomo provoca per egoismo e stupidità aggredendo l’ambiente, il paesaggio e provocando guasti spesso irreversibili e tragedie umane, come denuncia la ragazzina svedese Greta Thunberg.
MONTESARDO (Le) – “Oh Concetta Immacolata…”. “Mesciu” Vito metteva gli occhiali (spesso due paia), dava il “la” con lo sguardo al chierichetto che tirava i mantici del vecchio organo a canne e attaccava la canzone della novena dedicata alla Madre di ...
SALVE (Le) – “Le fotografie possono raggiungere l’eternità attraverso il momento”, Henri Cartier-Bresson. Vero. L’eternità della nostra terra barocca e selvaggia ha i colori del bianco e nero e dell’anima mediterranea che marca il nostro dna. Eliana e Vincenzo Cazzato ...
SPECCHIA (Le) - Quest’anno, oltre al tradizionale Albero di Natale, un abete di cinque metri sistemato sulla piazzetta adiacente alla chiesa di Sant’Antonio, la Pro Loco di Specchia, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, ha collocato nella magnifica Piazza del Popolo ...
LEUCA – “Il nostro porto? E’ ridotto a una discarica!”. Parola dei pescatori di Santa Maria di Leuca. Ma si lamentano anche i diportisti, a causa delle difficoltà di attraccare. Con plastica e vetroresina, presenti anche il carburante sversato e ...
RUFFANO (Le) - Tutto accadde per caso, ma le versioni accreditate sono due: costruendo un focolare su un terreno gessoso, i nostri avi preistorici videro che la pietra “cotta” dal fuoco, una volta tornata fredda, si disfaceva e successivamente unita ...
“Entrò nel bar e ordinò un caffè ristretto, aveva bisogno di bere un po’ di caffeina, si sentiva i muscoli contratti e tesi…” (“Un incontro disastroso”, di Monica Sabella, scrittrice di Alessano).
PRESICCE (Le) – “Ne vidimu sutta la Culonna”, si diceva nell’altro secolo, quello in bianco e nero, a Presicce, Salento meridionale.